Da oggi il Comune di Eraclea è senza amministrazione

Dalla mezzanotte di oggi Eraclea è senza amministrazione comunale. Il sindaco Mirco Mestre, ancora in prigione dopo l’arresto per mafia del 19 febbraio scorso, non ha ritirato le dimissioni e quindi il consiglio comunale cade. Domani inizia l’era del Commissario prefettizio a Eraclea, in attesa della commissione ispettiva che valuterà se il Comune era stato infiltrato dalla mafia. Inizia così per Eraclea l’anno del commissario prefettizio. Il Prefetto Vittorio Zappalorto venerdì nominerà il Commissario provvisorio. Dopodiché bisognerà attendere la nomina di quello definitivo da parte del Capo della Stato Sergio Mattarella. Zappalorto ha già in mente alcuni suoi collaboratori. In pole position ci sono il suo vicario Sebastiano Cento e la dottoressa Piera Bumma. Quest’ultima ha già avuto il battesimo di commissario a Caorle. Bumma era diventata commissario di Caorle dopo le dimissioni di dieci consiglieri che avevano fatto cadere la giunta Striuli, il 9 aprile del 2015. La nomina del commissario definito da parte del Presidente Sergio Mattarella, potrebbe coincidere con quella del Prefetto Zappalorto. Non è però scontato e per questo a Eraclea potrebbe arrivare un commissario esterno alla Prefettura di Venezia, come anche un Prefetto in pensione. Chi ha cercato di evitare che arrivasse il commissario è stato il vicesindaco Graziano Teso, anche lui indagato per mafia. Teso ha sperato che Mestre non si dimettesse. In questo modo, facendo le sue veci, avrebbe governato il paese fino alla scadenza del mandato. Ipotesi improponibile per molti consiglieri comunali. Chi più di altri appoggiava questa eventualità voleva almeno arrivare all’autunno per gestire il Comune nel periodo estivo. In paese, infatti, sono molti a temere un contraccolpo negativo sulla stagione turistica dopo i cinquanta arresti per mafia.

Scritto da Carlo Mion per il quotidiano La Nuova Venezia.

Da oggi il Comune di Eraclea è senza amministrazione ultima modifica: 2019-03-20T13:54:02+02:00 da E.O.L.

▶ Commenta questa notizia nella nostra pagina Facebook